Feed RSS

Archivi categoria: opinione

USC/UCT: “Agricoltori stressati ricordatevi di pagarci i contributi!”

Inserito il

La saga delle trattenute, dei contributi estorti e delle deduzioni pseudo-associative ha un nuovo triste capitolo. Come segnalatoci da un fedele lettore del blog, negli scorsi giorni diversi agricoltori hanno ricevuto una singolare, quanto enigmatica lettera di richiamo che alleghiamo.

In molti, compreso il fedele lettore, hanno addirittura pagato la fattura, visto anche l’esiguo importo e che il mittente era nientemento che Identitas, ditta che si assume l’incarico di gestire a livello nazionale la banca-dati sul traffico degli animali. Insomma hanno pagato ritenendo che potesse trattarsi per esempio del pagamento di una partita di marche auricolari. Tuttavia analizzando in un secondo tempo la missiva, il malcapitato si è reso conto che se non siamo di fronte a una truffa legalizzata, poco ci manca.

1. Innanzi tutto, la lettera configura un vero e proprio (e formale) richiamo di pagamento.

2. La lettera inizia con un’esplicita allusione allo stress che vivono gli agricoltori e dunque non poteva avere incipit peggiore con una mancanza di rispetto verso una categoria che non ha attualmente vita facile, al contrario di chi ha i piedi al caldo dietro le scrivanie delle varie organizzazioni di organizzazioni di enti affiliati.

3. Poi prosegue colpevolizzando i destinatari, rei di non essersi ricordati di pagare una fattura (il cui pagamento dipende in tutto e per tutto dalla volontà del singolo e non è assolutamente obbligatorio!!!).

4. In questo delirio di mancanza di rispetto, gli estensori della missiva si permettono di enumerare i giorni di ritardo, mentre la tabella indica pure una casella “Ultimo richiamo”, quasi che dopo di ciò si proceda all’esecuzione forzata.

5. Chi credeva che, come nei migliori raggiri, il mistero si celasse fra qualche apostilla scritta in minuscolo a fondo pagina, si sbagliava di grosso. Infatti, il trabocchetto è svelato in alto a destra sotto “Nostra referenza”, dove gli estensori, rigorosamente in tedesco (affinchè non si capisca?), spiegano agli agricoltori italofoni il motivo del richiamo: SBV-Verbandsbeiträge, ovvero Contributi associativi USC, che sta per Unione svizzera dei contadini.

CONCLUSIONE:

La fattura richiamata è quella relativa ai contributi volontari per l’USC che ognuno è libero di pagare o meno all’Unione svizzera dei contadini. Come già avviene per le trattenute UCT sui pagamenti diretti, questi contributi non danno diritto a nessuna rappresentanza in assemblee o gremii di contadini. In pratica, si paga senza avere diritto di voto.

Per maggiori info (si legge nella lettera) ci si può rivolgere al segretariato dell’Unione Contadini Ticinesi che dunque va lodata per la sua coerenza nel difendere i costrutti antidemocratici di prelievo di contributi messi in atto da diverse organizzazioni agricole. La stessa UCT, ancora nel 2018, è addirittura la più antidemocratica di tutte le organizzazzioni cantonali, poiché formalmente è formata esclusivamente da enti affiliati e dunque non annovera nemmeno uno che sia uno membro individuale. Preleva i contributi ai contadini, ma di farli votare all’assemblea non ci pensa minimamente. Complimenti! Evviva la democrazia!

 

Annunci

OPINIONE: Agricoltori per il Parco Nazionale del Locarnese

Inserito il

Assemblea OKKIO: lunedì 6 novembre 2017 alle 20.00, seguita dalla tavola rotonda “Quale futuro per Okkio?”

Inserito il

OPINIONE: L’intervento di Claudio Cattori sul Parco del Piano nella seduta del Consiglio comunale di Giubiasco

Inserito il

claudio-cattori

L’Istituzione del Parco del Piano di Magadino è un atto politico che dimostra la volontà di salvaguardare almeno quel che resta di un territorio agricolo, unico nel nostro Cantone.

Lo scempio perpetrato ai danni del Piano di Magadino, nei decenni trascorsi, è uno spettacolo desolante sotto gli occhi di tutti. Insediamenti discutibili imposti dalla Confederazione, dal Cantone e, ciò che è più grave, dai Comuni che si affacciano sul Piano. Taluni amministratori comunali, negli anni, hanno fatto delle scelte pianificatorie, che ora testimoniano lo spreco e l’irragionevole sottrazione di terreno agricolo.

Infatti, negli anni ottanta e novanta, ma anche all’inizio del secondo millennio, taluni politici si sono lasciati sedurre dalla frenesia dagli insediamenti che avrebbe dovuto generare entrate stratosferiche. E così non è stato nella maggioranza dei casi.

Ma è altrettanto vero che, quei politici, avevano smarrito il senso di responsabilità che consigliava di salvaguardare e proteggere un territorio agricolo di assoluto pregio. I territori di Sant’Antonino, Cadenazzo e anche Contone non necessitano, a questo proposito, di commenti. Ora sono però diventati una realtà scomoda, imbarazzante.

È soprattutto ora di vigilare per evitare il peggio; è quello che ci si propone questa sera. In questo contesto non posso dimenticare che, una responsabilità di non poco conto, va anche addebitata dal Consiglio di Stato che ha ratificato, nel passato, l’estensione sconsiderata di zone edificabili, con l’aggravante di aver accettato anche norme edificatorie che possono essere definite spregiudicate.

I contadini, in quell’epoca, avevano fatto sentire la loro voce ma erano poco ascoltati e per certi versi erano dileggiati o quantomeno considerati come nostalgici di un’epoca che sembrava essere stata soppiantata dalla corsa al presunto benessere economico. Invece il tempo ha dato, seppur tardivamente, ragione a coloro che si battevano per salvaguardare un bene irripetibile qual è il territorio agricolo.

Dopo questa premessa dichiaro di accettare, in linea di massima, gli obiettivi che s’intendono perseguire con il Parco del piano di Magadino. Ma non posso evitare dal manifestare le mie preoccupazioni; come cittadino e agricoltore.

La terra è una proprietà di tutti ma si sa che essa è sempre stata ultimata e lavorata dei contadini e degli agricoltori. Chi, più di loro, devono essere considerati gli attori principali in questo contesto? Certo, ci sono regole e ordinamenti che vanno rispettati. Ma loro sono i primi attori. Ora, più di ieri, se vogliamo mantenere intatto quel territorio agricolo che rimane, gli agricoltori non devono però essere intralciati dalle esasperanti limitazioni che vorrebbero imporre gruppi di pensiero che rasentano l’estremismo.

Gli agricoltori, è bene ricordarlo, hanno una coscienza ecologica. Le leggi, le ordinanze, le norme fissano limiti che non possono e non devono essere superati. Sono quindi una garanzia che deve rassicurare anche per chi appare ossessionato da una visione ecologicamente estrema. E’ invece necessario sapere coniugare, sapientemente, il rispetto della natura con le esigenze economiche.

La terra deve fornire la sussistenza e i contadini sono coloro che la coltivano. Sembra un’equazione facile ma, ammetto, anche delicata. Ed è inevitabile che, quando si parla di agricoltura, non si può eludere l’aspetto economico. Oggi l’orticultura, per sopravvivere, deve adeguarsi ai progressi tecnologici. In particolare l’orticoltura non può prescindere dalle serre ad alta tecnologia e dalla coltivazione intensiva. Pena il fallimento!

Ma, quando il progresso è ben orientato si possono ottenere risultati interessanti. Per esempio, nel nostro Comune, la lungimiranza del Comune di Giubiasco ha reso possibile la creazione di due “zone serre”, in buona parte costruite ad alta tecnologia e allacciate al teleriscaldamento Teris SA. Una visione politica che va segnalata anche perché possa essere d’esempio in altre parti del Cantone per avviare una collaborazione virtuosa, fra agricoltura e altre entità, che è esemplare. Nel nostro caso è il termovalorizzatore che fornisce energia anche agli agricoltori.

Vale la pena di ricordare che quattro aziende del nostro Comune collaborano con la Federazione ortofrutticola ticinese FOFT di Cadenazzo che ha un fatturato di 30 milioni. Ben il 59% della cifra d’affari della FOFT, è prodotto dalle quattro aziende, ubicate nelle zone serre. E’ una realtà che merita, in questo contesto, di essere considerata perché, oltretutto, gli acquisti sono veramente a km zero e si potrebbe addirittura definirli: “acquisto giubiaschese DOC a chilometro zero”.

Ma c’è di più: nelle quattro aziende operano circa 100 lavoratori e lavoratrici che producono un indotto non trascurabile sulle altre categorie economiche.

Concludo ripetendo che le forzature idealistiche hanno un loro senso nella misura in cui sanno essere complementari a una realtà che non si cambia con i soli proclami e buoni propositi. Assicuro la mia adesione al Messaggio Municipale auspicando fortemente che gli attori del Piano di Magadino erano, sono e saranno quegli agricoltori che da sempre sono fedeli e rispettosi della terra.

 Claudio Cattori

Giubiasco, 17 ottobre 2016

Dibattito a Mezzana: “Le politiche agricole della Svizzera di oggi e di domani

Inserito il

Locandina dibattito agricolo

OPINIONE – Marco Togni: per un effettivo bovino esente da Staffilococco aureo, genotipo B

Inserito il

staffilococco aureus

OPINIONE – I ticinesi vogliono questo Parco!

Inserito il

La raccolta in meno di 2 mesi di quasi 15’000 firme per l’iniziativa popolare “Spazi Verdi per i nostri figli” non può lasciare indifferenti i nostri politici. La salvaguardia del territorio ed un suo uso sostenibile godono senza dubbio dell’appoggio di moltissimi ticinesi. L’iniziativa farà il suo corso e certamente il popolo dovrà pronunciarsi in merito. Ma, già in questi giorni, i politici del nostro Cantone avranno l’occasione di dimostrare di essere sulla medesima lunghezza d’onda della popolazione e di chi ha firmato l’iniziativa “Spazi Verdi”. L’importantissimo banco di prova è costituito dall’istituzione del Parco del Piano di Magadino sulla quale il Gran Consiglio si pronuncerà proprio mercoledì o giovedì prossimi. Un progetto la cui elaborazione ha necessitato di diversi anni ed ha comportato l’ampio coinvolgimento di tutta una serie di attori. Così, Comuni, Associazioni, Enti ed operatori del territorio hanno concordato assieme al Cantone un modo condiviso da tutti per riuscire a dare un futuro sostenibile ai circa 2’500 ettari del Piano di Magadino. Un futuro fatto in primis di attività agricola, ma anche di tutela di spazi naturali e di fruizione da parte di turisti e della popolazione per il proprio svago. Non è stato sicuramente facile mettere d’accordo tutti, ma, oggi, in un contesto geografico limitato come il nostro Cantone, è impensabile portare a compimento qualsiasi progetto di ampia portata senza percorrere la strada del consenso fra tutti gli attori in campo. Proprio per questo, il Gran Consiglio, se dirà di SÌ al Parco del Piano di Magadino, dimostrerà di approvare in primis la metodologia scelta per giungere alla sua istituzione. Cioè dirà SÌ alla via della concertazione, l’unico modo per assicurare a questo Cantone uno sviluppo qualitativo non solo su questo, ma anche su altri fronti.

.

Giovanni Berardi – Presidente di Agrifutura

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: