Feed RSS

Archivi categoria: danni maltempo

Misure per attenuare gli effetti della siccità

Inserito il

Tanta neve nelle vallate superiori del Ticino

Inserito il

… e un mare di pioggia sul Sottoceneri. Guarda le prime foto. Disagi sono annunciati soprattutto per quanto riguarda l’erogazione di elettricità. Risulta sospesa fino a nuovo avviso in diverse località dell’Alto Ticino. I contadini coinvolti hanno dovuto rispolverare il buon vecchio generatore per assicurare la mungitura, laddove è stato possibile. Anche sul fronte della viabilità si segnalano disagi. Si pensi che in Valle Bedretto è caduto 1,27 metri di neve fresca in 24 ore, nuovo record dall’inizio delle misurazioni. Tieniti informato sulle previsioni meteo delle prossime ore con la previsione delle precipitazioni dello Schweizer Bauer oppure consultando il sito di MeteoSvizzera.

Grandinata distrugge colture orticole in Riviera

Inserito il

Una violenta grandinata si è abbattuta la notte del 7 agosto nella zona di Prosito. Completamente distrutte le coltivazioni orticole.

grandinata Prosito

grandinata Prosito 2

6 milioni di litri di vino andati in fumo

Inserito il

La violenta grandinata dello scorso 20 giugno ha provocato una perdita ai vigneti pari a circa 6 milioni di litri di vino, comunica l’Associazione svizzera viticoltori-vinificatori (AVV). Ciò corrisponde al 6% dell’intera vendemmia svizzera. Secondo un comunicato odierno dell’AVV, la grandine ha causato danni in circa 1100 ettari di superficie per la viticoltura, soprattutto nei cantoni Ginevra e Neuchâtel così come sul lago di Bienne. In alcuni casi è stata danneggiata il 100% dell’uva. La produzione di vino svizzero è tuttavia garantita, afferma l’associazione. L’assicurazione svizzera per la grandine ha calcolato i danni del 20 giugno a circa 15 milioni di franchi.

Danni del maltempo in Svizzera: per fortuna c’è l’assicurazione grandine

Inserito il

fiume in piena

Come riportato sullo Schweizer Bauer, oltre 600 annunci in pochi giorni e una sommaria quantificazione dei danni in oltre 2,5 milioni di franchi. Sono le cifre rese note dall’Assicurazione grandine in riferimento ai danni del maltempo che ha flagellato negli scorsi giorni la Svizzera interna. I maggiori problemi sono stati causati dalla fuoriuscita dagli argini di diversi fiumi, come la Thur (vedi foto) nel Canton Zurigo. Diverse colture sono andate perse e i terreni in molti punti sono stati erosi. L’Assicurazione grandine è l’unica assicurazione di questo tipo in Europa che copre, oltre ai danni dalla grandine, anche i sinistri causati da eventi naturali (piene, esondazioni, frane). Fra le prestazioni vi è anche la possibilità di veder coperta la ricostituzione di terreni erosi dalle acque. Nonostante le buone prestazioni di questa assicurazione, resta comunque il grosso danno per gli agricoltori confederati coinvolti ai quali va tutta la nostra solidarietà.

Manutenzione e miglioria idraulica dei canali del Piano di Magadino

Inserito il

ccft

 

ccft 2

Danni maltempo del 2008: il TF dà ragione all’ORTI

Inserito il

orti 1

orti 2

orti 3

orti 4

orti 5

Fonte: La Regione del 6 febbraio 2012

Strategia lupo: pace fatta fra allevatori, cacciatori e ambientalisti

Inserito il

Ha sorpreso un po’ tutti, giornalisti per primi, la convocazione congiunta di una conferenza stampa da parte della Federazione svizzera degli allevatori di ovini, di Caccia Svizzera, del WWF e di Pro Natura. E infatti la sala era piena di rappresentanti di organi di informazione. Ma cosa volevano dire all’opinione pubblica queste associazioni così diverse fra loro? Hanno presentato la “dichiarazione di pace” sul tema ritorno dei grandi predatori elaborata e sottoscritta da tutte e quattro le organizzazioni.

Leggi la notizia con tutti i dettagli apparsa sullo Schweizer Bauer.

Ecco (riassunti) i punti dell’accordo raggiunto:

1. In Svizzera esistono numerosi ambienti in cui, nonostante un utilizzo umano, vive una fauna indigena. In questi ambienti si può assitere al ritorno di grandi predatori.

2. L’allevamento sostenibile di bestiame da reddito e il loro alpeggio sono forme di sfruttamento del territorio che apportano prestazioni di interesse generale (approvvigionamento sicuro, mantenimento di basi produttive, cura del paesaggio e occupazione decentrata del territorio).

3. La caccia in Svizzera è orientata secondo criteri di sostenibilità. È un contributo alla regolazione degli effettivi di selvaggina e alla prevenzione di danni al bosco e all’agricoltura.

4. I gruppi di interesse coinvolti (caccia, protezione dell’ambiente e allevamento ovino) collaborano assieme in modo costruttivo e finalizzato alla ricerca di soluzioni. In caso di conflitti che riguardano i grandi predatori, l’allevamento e la caccia, essi sono pronti a ricercare soluzioni condivise e orientate al senso pratico e al compromesso.

La pioggia un toccasana per l’agricoltura

Inserito il

Il freddo e i parassiti

Inserito il

Fra gli effetti positivi del lungo periodo di freddo polare che sta per lasciarci ve n’è uno molto interessante. I parassiti di recente apparizione provenienti dall’Asia o dai tropici potrebbero essere andati incontro a una vera e propria decimazione con conseguente miglioramento della situazione per diverse patologie. Per contro gli organismi autoctoni sarebbero già in qualche modo abituati a situazioni del genere.

Lo affermano alcuni ricercatori in questo articolo apparso sul portale di SF Online.

Che sia giunta l’ora per il famigerato cinipede del castagno e di altri insetti nocivi?

Anche l’insalata tiene bene

Inserito il

Il freddo fa paura all’agricoltore?

Inserito il

Oggi gli organi di informazione fanno un gran parlare del freddo e delle conseguenze nei più disparati campi. E l’agricoltura? Avrà di nuovo di che lamentarsi? No di certo! Come dimostra il positivo articolo apparso oggi sul Giornale del Popolo.

Le temperature gelide compromettono la vitalità della vite?

Inserito il

Temperature ampiamente sotto lo zero in questi giorni. Ma il freddo siberiano può arrivare a compromettere la vitalità dei ceppi di vite? Danni si possono avere a partire da periodi prolungati a – 17/18° C, ma se la vite non è “dormiente” potrebbero verificarsi piccoli inconvenienti localizzati che impongono una verifica al risveglio delle gemme.

È quanto sostiene un interessante articolo apparso su TeatroNaturale.it.

Freddo siberiano in arrivo

Inserito il

A partire da mercoledì è previsto l’arrivo di una sacca di freddo estremo. La massa d’aria è registrata in partenza dagli Urali a – 34°C a 1500 m.s.m. In Ticino sono attesi valori anche al di sotto dei – 10°C e per diversi giorni le temperature non saliranno al di sopra degli 0°C.

Anche se la neve offre una certa protezione, consigliamo a tutti gli agricoltori di approfittare di questi ultime ore prima del freddo polare per verificare le protezioni delle condotte d’acqua e per approntare una strategia di intervento in caso di necessità (sgelamento abbeveratoi, motor starter per motori diesel, controllo temperatura nelle serre, ecc.).

Questa sera forti temporali

Inserito il

228b972e-a90b-4416-bdc4-7539a22c23c5
Sono annunciati forti temporali per questa sera con un repentino abbassamento della temperatura. Forte intensità nella notte e miglioramento domattina. MeteoSvizzera pubblica la cartina col grado di pericolo (grado 3 su 5 per il Ticino).

Leggi cosa dice il portale Ticinonews.ch.

Oppure consulta il pratico diagramma animato dello Schweizerbauer con le previsioni delle precipitazioni.

Le conseguenze del maltempo

Inserito il

I violenti nubifragi degli scorsi giorni hanno provocato considerevoli problemi anche al settore agricolo.

Guarda il servizio andato in onda al Quotidiano della RSI.

Quanto e dove pioverà nelle prossime 72 ore?

Inserito il

Guarda la prognosi delle precipitazioni dello Schweizer Bauer.

Ogni goccia ad aprile vale un barile

Inserito il

gdp
Clicca sull'immagine per leggere l'articolo apparso sul Giornale del Popolo di oggi.

Il sito web di MeteoSvizzera ti permette di stare informato sull'evoluzione dei prossimi giorni. Sono previste alcune precipitazioni.

Gelata anomala e improvvisa: sarebbe colpa del CERN

Inserito il

Milioni di danni alle colture agricole. Ieri e l’altro ieri, per ore sono squillati i telefoni dell’assicurazione grandine, la Hagelversicherung di Zurigo. Una gelata improvvisa e inspiegabile ha infatti distrutto gran parte delle colture nel Canton Ginevra e nella zona limitrofa francese. Il gelo ha colpito in pochi secondi lasciando costernati gli addetti ai lavori. Lo strano e improvviso fenomeno, catalogato dagli esperti come "supercooling da sovraffusione", è addirittura stato documentato dall’orticoltore Sandre Dubé, come puoi vedere in questo video girato nei pressi della sua fattoria.

Solo oggi, grazie alla perspicacia della signora Zander, funzionaria della Hagelversicherung di Zurigo, si è potuto fornire una possibile sconcertante spiegazione. La signora Zander ha riscontrato che i fondi colpiti dall’anomala gelata andavano a formare un enorme anello situato a cavallo della frontiera tra la Francia e la Svizzera, nella zona di Ginevra. Subito il pensiero è andato all’esperimento svolto dal CERN di Ginevra meno di 48 ore fa alla ricerca del "bosone di Higgs".

anelloE difatti gli esperti avrebbero confermato che la gelata è stata provocata dal campo magnetico emanato dal cunicolo circolare del CERN di Ginevra che ora dovrà farsi carico di indennizzi esorbitanti.

François Perche, direttore di AgriGenève, con una nota stampa ha comunque voluto relativizzare. "Per il bene della scienza gli agricoltori sono disposti a rinunciare agli indennizzi. In futuro, per non trovarci più confrontati con perdite economiche, creeremo un enorme progetto circolare di interconnessione delle superfici di compensazione ecologica". Guarda il video con la sua intervista.

Basilico: prezzi alle stelle?

Inserito il

basilicoColtivare basilico nel 2010 potrebbe rivelarsi l’affare della stagione orticola.

Agricoltore 65.enne muore schiacciato dal suo trattore

Inserito il

Stava presumibilmente liberando dalla neve una stradina di campagna ed è rimasto schiacciato dal mezzo che si è ribaltato. La notizia è stata data dai principali portali informativi ticinesi (Ticinoonline e Ticinonews). L’uomo, 65.enne domiciliato a Dino-Sonvico, allevava pecore. Ci siamo attivati informandoci presso conoscenti nel caso in cui ci fosse bisogno di aiuto (in relazione per esempio all’accudimento del bestiame). Ci è stato confermato che la situazione è sotto controllo. Agrifutura esprime le proprie condoglianze ai congiunti.

Attesi da 50 a 100 cm di neve sopra i 500 m.s.m.

Inserito il

Tieniti informato con le previsioni di MeteoSvizzera Locarno-Monti.

Inserito il

Meteo: in arrivo il "generale inverno"

Le previsioni di MeteoSvizzera per i prossimi giorni preannunciano un repentino cambiamento del tempo con una drastica riduzione delle temperature, precipitazioni e con la possibilità di neve fin sotto i 1000 metri di quota per mercoledì e giovedì prossimi. La probabilità di queste previsioni è abbastanza alta, ma, come sempre, possono esserci variazioni in meglio o in peggio. Per chi ha ancora bestiame al pascolo è utile tenersi informato quotidianamente consultando MeteoSvizzera Locarno-Monti. Poi si spera comunque nell’estatella di San Martino.

Inserito il

Precipitazioni: allarme giallo

Questa notte e fino a domani pomeriggio sono attese forti precipitazioni accompagnate da raffiche di vento. Clicca qui per essere informato ora per ora grazie al radar meteorologico di Meteosvizzera. Clicca qui invece per avere le previsioni dettagliate e qui per le previsioni con semplici simboli. Cliccando qui e inserendo il Numero di Avviamento Postale NAP del proprio paese (ad esempio: 6722 Corzoneso) si possono ottenere previsioni locali.

Inserito il

Assicurazione globale giardiniera

Con questo nome, frutto forse di un’infelice traduzione, l’assicurazione grandine ha chiamato il pacchetto assicurativo destinato all’orticoltura con i sottocapitoli serre, danni della natura e assicurazione "Gartenbau". Clicca qui per avere maggiori informazioni. Questo argomento è diventato di attualità dopo le recenti inondazioni causa fuoriuscita di riali che hanno duramente colpito alcune aziende agricole nella fascia che va da Giubiasco a Cadenazzo.

Inserito il

Danni del maltempo: chi è in difficoltà può chiedere aiuto ad Agrifutura

Le forti precipitazioni degli scorsi giorni hanno toccato in particolare il Bellinzonese e il Luganese. Colpite anche diverse aziende agricole. Chi dovesse trovarsi in difficoltà può chiedere aiuto ad Agrifutura. Nell’immediato possiamo intervenire con alcuni aiuti per eventuali sgomberi o altro. Più in là Agrifutura è a disposizione per un appoggio nelle eventuali pratiche amministrative legate per esempio a indennizzi assicurativi. Per contattarci: segretariato@agrifutura.ch (lasciate un vostro recapito, vi chiameremo non appena possibile).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: